SI RICERCANO NUOVE FORME, SI SPERIMENTANO MATERIALI ALTERNATIVI E CI SI APPROPRIA DI NUOVE TECNOLOGIE

All’interno dell’azienda Binda esiste la divisione LAB, composta da figure che mettono a disposizione la propria professionalità e la propria competenza per contribuire alla creazione e allo sviluppo di progetti sempre all’avanguardia.

Quando le idee non vengono imbrigliate in schemi e percorsi imposti, si nutrono degli stimoli e delle sensazioni, di improvvise intuizioni; prendono forma e si trasformano in spunti creativi sempre più concreti e realizzabili. E’ questo che succede nel LAB di Binda, una “palestra” in cui Designer e Sviluppatori di Prodotto hanno la possibilità di fare ricerca libera e, di conseguenza, di promuovere una continua innovazione. Qui si ricercano nuove forme, si sperimentano materiali alternativi e ci si appropria di nuove tecnologie, applicabili in primis a orologi e gioielli, ma, perché no, anche ad altri ambiti.

Una ricerca non incanalata nel classico flusso produttivo, ma non fine a se stessa; molti dei prodotti immessi sul mercato affondano le proprie radici proprio all’interno del LAB.

È il caso di alcune versioni di Hip Hop in cui viene esploso il concetto di accostamento dei materiali e di studio delle forme.

Questo è anche l’ambito in cui vengono esplosi i dettagli più incredibili, che ritroviamo sui quadranti degli orologi Breil e Wyler Vetta, ad esempio.

COMUNICAZIONE